MANUTENZIONE PROGRAMMATA E GARANZIA 7 ANNI

PACCHETTO TAGLIANDI PER 100.000 KM… NESSUN PENSIERO
Il nostro compito è comprendere l’importanza di rispettare questi adempimenti e quali potrebbero essere per la tua auto le conseguenze negative dovute alla tua eventuale negligenza. Elenchiamo quali sono i principali interventi di manutenzione ordinaria:
• cambio olio: devi effettuarlo almeno una volta all’anno, oppure ogni 15 mila km circa; la sostituzione dell’olio deve comprendere sempre il cambio del filtro apposito, per evitare che l’olio nuovo venga miscelato con quello esausto e non vi sia alcuna ostruzione alla circolazione del liquido. Si tratta di un’operazione molto importante, in quanto l’olio contribuisce alla lubrificazione ottimale degli organi meccanici presenti all’interno del blocco motore; una cattiva qualità dell’olio potrebbe essere la causa di danni irreparabili ai cuscinetti del banco, alle bielle e agli assi a camme presenti sulla testata, solo per fare un esempio;
• cambio candele (esclusi i veicoli diesel): devi sostituirle ogni 30 mila km circa per evitare di incorrere in problemi di accensione. I sintomi più comuni consistono nella difficoltà ad avviare il motore, ma in alcuni casi puoi avvertire anche lievi cali di potenza e consumi eccessivi; può anche capitarti che il motore funzioni trascinando un pistone, perché nella relativa camera di combustione non scocca la scintilla. Tieni presente che in alcuni casi può essere necessaria la sostituzione dei cavi che portano alle candele per la stessa ragione;
• controllo pneumatici: si tratta di un’operazione fondamentale ai fini della sicurezza; devi verificare che gli pneumatici abbiano una pressione di gonfiaggio pari a quanto indicato sul libretto di uso e manutenzione, generalmente un valore compreso fra le 2 e le 2,5 atmosfere. Inoltre, hai il dovere di controllare che gli pneumatici abbiano un battistrada non inferiore a 1.6 mm e siano adeguati alla stagione in corso.
• pulizia del filtro dell’aria: al pari delle candele, sostituzione del filtro dell’aria ogni circa 30 mila km. Un filtro dell’aria sporco potrebbe compromettere la carburazione; in tal caso i sintomi possono essere diversi: si spazia dalla perdita di potenza alla difficoltà di accensione;
• sostituzione del filtro abitacolo: quest’operazione ti consente di rendere più sano l’abitacolo, che altrimenti potrebbe venire inquinato da polveri o allergeni, ma anche da virus pericolosi per la salute;
• controllo delle luci e verifica del funzionamento dei vari dispositivi elettronici in dotazione al veicolo;
• controllo dell’efficienza dell’impianto frenante: per verificare i freni, devi controllare sia le pastiglie che i dischi. Se smonti la ruota, le pastiglie consumate sono visibili facilmente; puoi comunque avvertirle emettere un fastidioso sibilo, indice del contatto fra il supporto e il disco del freno. Si provvedere alla sostituzione dei dischi quando questi ultimi presentano un vistoso scalino alla loro estremità più esterna, in genere non inferiore ai 3 mm. I dischi nuovi non hanno alcuno scalino;
• controllo del livello dei liquidi: si tratta di una delle operazioni più comuni e consiste nel verificare che tutte le vaschette presenti all’interno del vano motore indichino il valore di riempimento richiesto. La vaschetta di espansione dell’impianto di raffreddamento, che deve evidenziare la presenza del liquido per radiatori, il cui livello deve essere compreso all’interno dei valori di minimo e di massimo indicati. Quindi la vaschetta dell’olio dei freni, generalmente da non toccare se non in caso di ingenti perdite di liquido e la vaschetta contenente il liquido tergivetro.;
• controllo ed eventuale ricarica degli airbag e del condizionatore; sono operazioni delicate che necessitano di appositi macchinari specifici per il marchio Dr;
• controllo dei dispositivi antinquinamento: anche in questo caso sono necessari macchinari specifici che analizzano la componente co2 presente nello scarico della vettura

manutenzione-per-100-000-km

PROGRAMMA DI GARANZIA PER 7 ANNI – UNA COPERTURA INVIDIABILE!

1. ORGANI DI COPERTURA:
– motore: basamento, testata e relativa guarnizione, albero motore, variatore di fase, pistoni e fasce elastiche, bielle, cuscinetti di banco, cuscinetti di biella, aste, bilancieri, catena distribuzione e relativi ingranaggi (ingranaggio albero motore, ingranaggi alberi a camme e ingranaggio pompa iniezione), alberi a camme, modulo uniair, pompa dell’olio;
– impianto sovralimentazione: turbocompressore, valvola waste gate e geometria variabile;
– compressore volumetrico
– cambio manuale, cambio selespeed, cambio sequenziale (escluso attuatore): albero primario, albero secondario, alberino retromarcia, ingranaggio I, ingranaggio II, ingranaggio
III, ingranaggio IV, ingranaggio V, ingranaggio VI, ingranaggio retromarcia, cuscinetti cambio, sincronizzatore I, sincronizzatore II, sincronizzatore III, sincronizzatore IV, sincronizzatore
V, sincronizzatore VI, manicotti scorrevoli, scatola cambio;
– cambio automatico, cambio tiptronic, cambio multitronic, cambio variatronic, cambio speed gear, cambio ECVT: gruppo valvole, convertitore, pompa olio, ingranaggi, alberi,
cuscinetti, freni, frizioni e campane interne, epicicli, pistoni in gomma;
– circuito di alimentazione: pompa iniezione o pompa alta pressione, iniettori, iniettori pompa, pompa elettrica di alimentazione, misuratore volume aria o decimetro;
– componenti elettrici: alternatore, motorino avviamento, motorino tergicristalli, motorino pompa lavavetri.
– impianto di climatizzazione: compressore, condensatore ed evaporatore;
– componenti elettronici: centralina dell’iniezione;
– circuito di raffreddamento: pompa dell’acqua, radiatore raffreddamento motore, elettroventilatore del radiatore raffreddamento, giunto elettromagnetico per elettroventilatore;
– impianto frenante: pompa freni, servofreno, pompa del vuoto o depressore, pompa ABS o aggregato idraulico;
– frizione: pompa frizione e cilindro secondario, volano e volano bimassa;
– differenziale autobloccante e differenziale torsen: pignone, corona, planetari, satelliti, perni satelliti, cuscinetto pignone, cuscinetti planetari, cuscinetti satelliti, flange e canotti
– dispositivi di trasmissione: albero di trasmissione anteriore e posteriore, giunto cardanico albero di trasmissione, crociera albero di trasmissione, semiasse anteriore destro e sinistro, semiasse posteriore destro e sinistro
– organi di guida: scatola guida, scatola idroguida, servosterzo, elettroguida, pompa del servosterzo; – manodopera: stacco e riattacco secondo i tempari e le indicazioni del costruttore applicata unicamente sulla rottura dei pezzi oggetto del Programma di Garanzia.
2. MANUTENZIONE:
L’acquirente del veicolo usato è tenuto a sottoporre il mezzo ad un cambio olio e ad un tagliando di manutenzione ogni 15.000 km (tolleranza+/- 1.000 km), non sottoporre il veicolo alla manutenzione programmata comporta danni al veiclo imputabili a negligenza.

Postato il 28 marzo

Compila i campi per ricevere maggiori informazioni e per rimanere aggiornato con le nostre promozioni

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.



Condividi